Gli studenti progettano il Parco fluviale

Trentino

Coinvolti Itet Fontana e Liceo Filzi: ripenseranno in chiave ambientale e turistica un tratto di Adige

Da questo mese tre Istituti superiori di Trento e Rovereto lavoreranno insieme ad un progetto di valorizzazione di un tratto del fiume Adige compreso tra Trento, Rovereto e la Bassa Vallagarina. È il "Parco fluviale SMART", vincitore del Bando per progetti di sperimentazione didattica con logiche di rete della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, e vedrà studenti e insegnanti dell'ITT Buonarroti Pozzo di Trento (scuola capofila), dell'ITET Fontana e del Liceo Filzi di Rovereto, collaborare ad una proposta progettuale di valorizzazione del patrimonio paesaggistico, fluviale e peri-fluviale dell'Adige. Le attività didattiche si svolgeranno seguendo una metodologia innovativa, sviluppata nei licei olandesi che punta al miglioramento delle competenze di imprenditività, di lavoro in team, di autovalutazione. La committenza esterna, il Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia, daranno l'incarico ufficiale agli studenti domani dalle 8.40 alle 10.30 in aula magna dell'istituto capofila. Obiettivo dell'intero percorso: proporre un'idea 'nuova e intelligente' di valorizzazione dell'ambiente fluviale dell'Adige quale risultato della collaborazione di studenti e docenti che operano in ottica di miglioramento delle competenze trasversali individuali e di gruppo. Le fasi di lavoro toccheranno aspetti di monitoraggio e progettazione ambientale, di analisi sociale, di cittadinanza scientifica e valorizzazione turistica, con particolare riferimento al settore cicloturistico, nonché di riflessione sui propri stili di apprendimento. Le nuove tecnologie manterranno in stretta collaborazione gli attori del progetto. Supporto importante si avrà anche dal Servizio Bacini Montani, dall'Appa, dall'Osservatorio del paesaggio Trentino, dalla Step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio, dal Northgo College di Noordwijk (Olanda), dall'azienda Decisio di Amsterdam, dalla Montura Bike, dall'Università degli Studi di Trento. Nei prossimi mesi si organizzerà un tavolo di lavoro per coinvolgere in maniera attiva i sindaci dei comuni dell'asse dell'Adige. Il Team docenti degli istituti in rete ringraziano la Fondazione Caritro che ha promosso il bando e finanzia l'iniziativa.