Formazione

Azioni di life-long-learning per Esperti nominati dalla PAT nelle CPC (2012-2013)

26 ottobre 2012, 9 gennaio, 10 aprile, 21 maggio, 19 giugno, 7 ottobre 2013
step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio- via Diaz, 15- TrentoVedi mappa

Nel 2010 la tsm-step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio ha organizzato il corso “Esperti di pianificazione territoriale e tutela del paesaggio” finalizzato alla formazione di figure professionali alcune delle quali sono state successivamente nominate dalla Provincia autonoma di Trento all'interno delle Commissioni per la pianificazione territoriale e del paesaggio (CPC). La nomina e l'avvio delle Commissioni nel 2011 ha rappresentato un importante passo in avanti nel processo di attuazione della Riforma istitutiva delle Comunità di Valle.

A pochi mesi dall'avvio delle Commissioni è prevista una ulteriore azione formativa di accompagnamento per gli esperti nominati dalla Giunta Provinciale che sono chiamati a svolgere  un ruolo in cui le competenze di mediazione, di gestione dei conflitti, di leadership e di facilitazione delle decisioni appaiono di assoluta centralità anche in virtù della possibilità di esprimere un voto rafforzato (in caso di voto negativo dell'esperto designato dalla Giunta le autorizzazioni in materia di tutela del paesaggio ed i pareri positivi sulla qualità architettonica possono essere rilasciati con il voto favorevole di almeno 2/3 dei componenti della CPC).

In una logica di life-long-learning il percorso si innesta all'interno di un Programma per la formazione continua delle competenze di applicazione della Riforma e del Piano Urbanistico Provinciale. Attraverso un approccio fortemente pratico esso si pone l'obiettivo di: 

  • sostenere il lavoro degli Esperti di nomina PAT nelle Commissioni attraverso lo scambio e la rielaborazione di esperienze e casi concreti;

  • approfondire temi relativi alla pianificazione e alla tutela del paesaggio.

Competenze

Le competenze che il percorso si propone di sostenere sono relative alle seguenti aree: 

  • negoziazione e mediazione all'interno dei gruppi di lavoro al fine di giungere a decisioni condivise;

  • gestione dei conflitti all'interno dei gruppi di lavoro; 

  • supporto e facilitazione dei processi decisionali.

Coordinamento

Gabriella De Fino, step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio.

Destinatari

Il percorso è destinato agli esperti nominati dalla Provincia autonoma di Trento nelle Commissioni per la pianificazione territoriale e del paesaggio (CPC).

Metodo formativo

Il percorso è strutturato in fasi e favorisce un approccio che integra la riflessione teorica e i contenuti sviluppati durante la precedente iniziativa con momenti in cui gli esperti sono chiamati ad attivarsi su situazioni concrete e nell'elaborazione di casi. Più in dettaglio il lavoro si svolgerà attraverso: 

  1. formazione di gruppo attraverso il metodo degli autocasi finalizzata alla messa in comune di esperienze simili maturate nelle diverse Commissioni in cui si è impegnati;

  2. due seminari di approfondimento contenutistico.

Le azioni di formazione di gruppo (punto 1) si collocano, quindi, come momento di accompagnamento degli esperti da una dimensione più significativamente teorica ad una più pratica. I gruppi di apprendimento saranno attivati attraverso il metodo degli autocasi. L'autocaso è la narrazione di una situazione recente, reale, aperta e insoluta relativa a un'esperienza professionale che contiene aspetti interessanti che hanno coinvolto il protagonista-narratore.

La narrazione dell'autocaso presenta elementi di problematicità e aspetti non chiari caratterizzati da conflittualità edambiguità. Nella gestione dell'autocaso il narratore si presenta come “cliente”, il resto del gruppo gioca un ruolo di consulente, mentre il formatore ha il ruolo di coordinatore e si pone a sua volta come consulente rispetto all'apprendimento dell'intero gruppo.

Articolazione e contenuti

l percorso formativo si articola in:

  • un momento di initial durante il quale sarà definito il patto formativo iniziale e presentato il metodo di lavoro;

  • tre incontri in aula della durata di mezza giornata durante i quali sarà svolta un'azione di sostegno ai gruppi  di apprendimento attraverso il metodo degli autocasi;

  • due incontri di approfondimento contenutistico di tematiche particolarmente significative per gli esperti;

  • un momento finale per il monitoraggio e la valutazione dell'esperienza. 

      

AVVIO (1h), 26 ottobre, 2012 ore 8.30-9.30 
Paola Matonti e Ugo Morelli
Presentazione della proposta formativa e del metodo di lavoro. 
Definizione del patto formativo iniziale.

Incontro 1, 26 ottobre, 2012 ore 9.30-12.30 
Ugo Morelli
La gestione del ruolo di “Esperto” nominato dalla PAT nelle CPC: scambio e confronto di esperienze (Metodo degli autocasi).

Incontro 2, 9 gennaio 2013 ore 8.30-12.30
Ugo Morelli
La gestione del ruolo di “Esperto” nominato dalla PAT nelle CPC: scambio e confronto di esperienze (Metodo degli autocasi).

Incontro 3, 10 aprile  2013 ore 8.30-12.30 
Ugo Morelli
La gestione del ruolo di “Esperto” nominato dalla PAT nelle CPC: scambio e confronto di esperienze (Metodo degli autocasi).

Incontro 4, 21 maggio 2013 ore 8.30-12.30 
Christoph Mayr Fingerle
Approfondimento contenutistico

Incontro 5, 19 giugno 2013 ore 8.30-12.30
Mauro Agnoletti
Approfondimento contenutistico

Incontro 6, 7 ottobre  2013 ore 8.30-12.30 
Ugo Morelli
La gestione del ruolo di “Esperto” nominato dalla PAT nelle CPC: scambio e confronto di esperienze (Metodo degli autocasi).

Ulteriori informazioni

Durante il percorso formativo verranno forniti:

  • il materiale didattico
  • eventuali testi di studio