Formazione

Corso Avanzato - RIFUGI DEL PATRIMONIO MONDIALE DOLOMITI UNESCO. Rete della formazione e della ricerca scientifica (II edizione)

20 e 21 novembre 2018
Sala del Consiglio del Comune di Bressanone- via Portici Maggiori, 5- BressanoneVedi mappa

In ragione del decisivo ruolo riconosciuto ai rifugi e ai bivacchi come rilevanti presidi del territorio del Patrimonio Dolomiti UNESCO la Fondazione Dolomiti UNESCO, nell'ambito della Strategia Complessiva di Gestione, ha stipulato nel dicembre 2016 una Convenzione triennale con le associazioni alpinistiche di riferimento CAI Alto Adige, CAI Veneto, CAI Friuli Venezia Giulia, AVS Alpenverein Südtirol e SAT Società degli Alpinisti Tridentini. Al fine di valorizzare il ruolo simbolico dei rifugi nel rapporto uomo/ambito montano e favorire la conoscenza, la promozione e la valorizzazione delle Dolomiti come Patrimonio Mondiale è stato realizzato, nel primo semestre dell'anno, un importante momento formativo rivolto ai proprietari e ai gestori dei rifugi realizzato dalla Provincia autonoma di Trento, tramite la tsm|step_Area UNESCO in partnership con il MUSE. Il percorso ha costituito un momento simbolico molto rilevante grazie alla consegna delle targhe da parte della Fondazione Dolomiti UNESCO ai gestori dei rifugi delle aree core del Bene Dolomiti. Si intende riproporre la seconda edizione del percorso avanzato per gestori di rifugi in residenziale volto a rinforzare le conoscenze acquisite nel primo momento formativo realizzato nell'anno 2017, ad approfondire i temi della conoscenza del Patrimonio Dolomiti UNESCO, il suo senso e significato come opportunità di migliorare la qualità della vita di chi vive, comunica e promuove turisticamente i territori dolomitici. 

Percorso formativo

L'obiettivo principale è rinforzare gli apprendimenti conseguiti nella prima fase formativa, approfondendo la conoscenza delle caratteristiche dell'eccezionale Patrimonio delle Dolomiti riconosciuto dall'UNESCO. Fondamentale sarà la centratura sul rapporto tra la gestione dei rifugi e le opportunità offerte dal riconoscimento dell'UNESCO alle Dolomiti come Patrimonio dell'Umanità, lavorando sui significati e i valori del riconoscimento. Grazie alla struttura residenziale, infine, il corso intende rinforzare la relazione all'interno del gruppo di gestori di rifugi, il cui ruolo è di decisiva importanza per l'attività informativa e comunicativa del Bene verso i fruitori delle loro strutture. 

Competenze

Il percorso mira a sostenere l'apprendimento di conoscenze e capacità:

  • nell'approfondimento della conoscenza dei caratteri distintivi e dei valori del Patrimonio Dolomiti UNESCO;
  • nei metodi e nei modelli di comunicazione dei Patrimoni agli utenti dei rifugi;
  • nella gestione dei processi comunicativi e di circolazione e valorizzazione dei significati;
  • nel rendere più efficaci i processi di gestione di forme collaborative e di rete tra i gestori delle strutture afferenti al Bene Dolomiti UNESCO

Coordinamento

Progettazione
Elisabeth Berger, Ufficio Parchi Naturali Provincia autonoma di Bolzano
Gabriella De Fino, Responsabile Area UNESCO tsm
Marcella Morandini, Direttrice Fondazione Dolomiti UNESCO

Coordinamento
Gabriella De Fino, Responsabile Area UNESCO tsm 

Organizzazione e logistica
Giulia Gelmi, Fondazione Dolomiti UNESCO 

Destinatari

La seconda edizione del percorso formativo si rivolge ai proprietari e ai gestori dei rifugi siti nell'area core del Bene Dolomiti Patrimonio dell'Umanità. Data la dimensione residenziale, si prevede un numero di partecipanti pari a 30.

Articolazione e contenuti

20 novembre 2018

9.00-09.30
Introduzione e presentazione del corso   
Gabriella De Fino, Responsabile Area UNESCO tsm   
Marcella Morandini, Direttrice Fondazione Dolomiti UNESCO

9.30-13.00
Rifugi presidi territoriali e culturali 
Annibale Salsa, Comitato Scientifico Fondazione Dolomiti UNESCO

14.00-15.00
Il riconoscimento delle Dolomiti a Bene UNESCO: breve excursus della candidatura e presentazione della Fondazione Dolomiti UNESCO 
Marcella Morandini, Direttrice Fondazione Dolomiti UNESCO
Organizzazione e attività nella Provincia autonoma di Bolzano
Elisabeth Berger, Ufficio Parchi Provincia autonoma di Bolzano

15.00-15.45 
Progetto Rifugi delle Dolomiti UNESCO 
Georg Simeoni, Presidente AVS 
Claudio Sartori, Presidente CAI Alto Adige

Coffee break

16.00-16.30
Spazio alle idee: Brochure del Rifugio Roda di Vael per i piccoli ospiti   
Roberta Silva, gestore Rifugio Roda di Vael

16.30-18.30 
Dolomiti Bene UNESCO: approfondimenti sui 9 sistemi Dolomiti UNESCO. Il progetto Dolomites UNESCO Geotrail
Corrado Morelli, geologo, Provincia autonoma di Bolzano

21 novembre 2018

09.00-13.00
Cultura, viaggio e incontro con l'Altro. Turismo sostenibile e cultura
Marco Aime, Università degli studi di Genova

14.00-16.00
Storia, cultura e valori dei territori dolomitici
Giuseppe Ferrandi, Fondazione Museo storico del Trentino

16.00-16.30
Conclusioni e saluti
Gabriella De Fino, Responsabile Area UNESCO tsm
Marcella Morandini, Direttrice Fondazione Dolomiti UNESCO

Costi e modalità di iscrizione

Il corso è gratuito e si terrà in modalità residenziale.

I costi di vitto e alloggio saranno a carico dell'organizzazione.

Per partecipare al corso occorre inviare entro il 13 novembre una email all'indirizzo press@dolomitiunesco.info con oggetto: “Iscrizione al Corso “Rifugi del Patrimonio Mondiale Dolomiti UNESCO_2018” indicando: nome e cognome del partecipante, il nome del Rifugio, recapito telefonico e indirizzo email utili per eventuali comunicazioni.

Ulteriori informazioni

Fondazione Dolomiti UNESCO - Email: info@dolomitiunesco.info - Tel: +39.0436.867395

Documenti disponibili