Formazione

Recupero e rigenerazione degli insediamenti. Aspetti sociali, edilizi, paesaggistici (I edizione)

25 settembre - 30 ottobre 2015
step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio- via Diaz, 15- TrentoVedi mappa

Le azioni di recupero, riqualificazione e riuso degli edifici e degli spazi urbani rappresentano da tempo l'impegno principale di progettisti e amministrazioni e costituiscono interventi di interesse collettivo per gli effetti sull'organizzazione del territorio e della città e per i riflessi sulla qualità del paesaggio. La sfida, infatti, non riguarda solo la rifunzionalizzazione dei manufatti e delle attrezzature e il perseguimento di una nuova qualità abitativa e di nuove prestazioni energetiche e di comfort, ma anche la capacità di assegnare nuovi valori estetici e simbolici agli edifici sottoutilizzati o abbandonati, l'esigenza di trasformare i numerosi vuoti urbani in spazi per nuove relazioni sociali, l'urgenza di conferire nuovi valori ambientali e identitari alle lacerazioni del paesaggio. 
Le competenze richieste per operare sugli edifici collocati nei centri abitati di antica origine o in relazione con il paesaggio riguardano quindi aspetti puntuali e questioni di contesto, problemi tecnico-operativi e consapevolezza sia delle opportunità offerte dai valori dell'intorno urbano e paesaggistico sia dell'interesse collettivo alla riqualificazione delle relazioni tra edificio e contesto.

Percorso formativo

Il corso intende contribuire all'aggiornamento delle competenze specialistiche affermando il ruolo del recupero edilizio quale momento di più ampie finalità relative alla rigenerazione degli insediamenti e alla riqualificazione del paesaggio.

Il riferimento al quadro alpino consentirà di porre attenzione alle specificità del recupero nel contesto trentino e di collocare le azioni entro un filone progettuale che, pur caratterizzato da una pluralità di approcci, si sta consolidando con proprie peculiarità.

L'analisi critica dell'evoluzione dei principi e degli approcci del recupero edilizio e dei centri storici che hanno caratterizzato l'esperienza italiana negli ultimi decenni consentirà di inquadrare il sistema normativo e della pianificazione in vigore. Particolare attenzione verrà dedicata al ruolo degli indirizzi e delle linee guida per gli interventi sull'edilizia minore.

Alcuni approfondimenti tecnici riguarderanno gli aspetti strutturali degli edifici in muratura e delle strutture lignee e la riqualificazione energetica, ponendo l'accento sulle responsabilità dell'azione progettuale. L'attenzione alla dimensione critica del progetto viene sviluppata inoltre in riferimento sia agli edifici antichi sia agli edifici dell'architettura moderna e contemporanea, che sempre più spesso richiedono interventi di riqualificazione e aggiornamento tecnologico, rispettando le peculiari qualità architettoniche.

Infine, il tema delle relazioni tra l'edificio e il contesto, insediativo e paesaggistico, viene affrontato sia dal punto di vista metodologico sia ripercorrendo le esperienze del vicino Alto Adige- Südtirol.

A conclusione del percorso è previsto un breve viaggio studio che consentirà di visitare edifici e contesti interessati da interventi di riqualificazione.

Competenze

La sfida del recupero edilizio, in particolare quando riguarda edifici collocati entro gli insediamenti di antica origine, consiste nel tenere alta la qualità del progetto cogliendo i valori in gioco, rispettando esigenze funzionali e prestazionali, individuando nel quadro normativo non solo vincoli ma anche indirizzi di intervento, sapendo raccordare la dimensione puntuale dell'intervento con gli spazi aperti e lo spazio pubblico. 

Il corso fornisce, pertanto, competenze di natura diversa, relative al quadro metodologico e normativo, agli aspetti statici e tecnologici di strutture realizzate con modalità tradizionali, alle modalità appropriate di riqualificazione energetica, alla qualità del progetto edilizio, urbano e paesaggistico. Verranno affrontati sia gli aspetti teorici sia quelli operativi relativi ai singoli manufatti e alle loro relazioni con l'intorno edificato e aperto, anche mediante l'analisi di esperienze di recupero di edifici storici e di architetture recenti che hanno richiesto l'applicazione di differenti metodi e strumenti interpretativi e di intervento.

Destinatari

Il percorso si rivolge a 25 professionisti e tecnici operanti nella libera professione coinvolti in azioni riguardanti il recupero edilizio, la rigenerazione degli insediamenti, la riqualificazione del paesaggio. 

L'attestato di frequenza verrà rilasciato ai partecipanti che abbiano frequentato almeno l'80% delle lezioni in aula.

Metodo formativo

Il metodo formativo combina lezioni frontali con momenti di interazione e di dialogo con i partecipanti, che condivideranno coi docenti e con il gruppo aula le proprie esperienze e competenze.

Articolazione e contenuti

I modulo – Introduzione al corso: recupero edilizio e rigenerazione sociale

25 settembre, ore 14.00-18.00

Recupero dell'edificato antico e recente, riqualificazione del contesto territoriale e del paesaggio.  Un percorso formativo.
Bruno Zanon, Presidente Comitato Scientifico step

Il paesaggio come costruzione/ricostruzione culturale e sociale: aspetti materiali ed immateriali
Annibale Salsa, membro Comitato Scientifico step

Conservazione e trasformazione nel paesaggio alpino
Antonio De Rossi, Politecnico di Torino 

II modulo – Norme, piani, manuali

2 ottobre, ore 14.00-18.00

Recupero e pianificazione dei centri storici. Approcci, metodi e strumenti
Bruno Zanon, Presidente Comitato Scientifico step

La pianificazione nella provincia di Trento 
Angiola Turella, Provincia autonoma di Trento

Analisi dell'edilizia tradizionale, regole e indirizzi per il recupero - 
Guido Moretti, Studio Moretti Bologna

III modulo – Approfondimenti tecnici  

9 ottobre, ore 14.00-18.00

Il recupero degli edifici in muratura
L'adeguamento sismico 
Roberto Tomasi, Università degli studi di Trento

Il recupero delle strutture lignee
Maurizio Piazza, Università degli studi di Trento 

IV modulo – Energia e progetto di recupero

16 ottobre, ore 14.00-18.00

L'adeguamento energetico degli edifici
Rossano Albatici, Università degli studi di Trento

Il progetto di recupero energeticamente consapevole
Manuel Benedikter, studio architetto Manuel Benedikter

V modulo – Metodi, strumenti ed esperienze

23 ottobre, ore 14.00-18.00

Il Recupero dell'antico 
Fabio Campolongo, Provincia autonoma di Trento

Il recupero del moderno 
Giovanni Marzari, Studio Marzari

VI  modulo – Il recupero degli spazi aperti, del contesto urbano e paesaggistico 

30 ottobre, ore 14.00-18.00

Il progetto di recupero oltre l'edificio
Chiara Toscani, Politecnico di Milano
         
L'esperienza della tutela dell'edilizia tradizionale e del paesaggio in Alto Adige
Adriano Oggiano, Provincia autonoma Bolzano


Visita di studio
Si prevede la realizzazione di una visita di studio in Val Venosta di una giornata.

Costi e modalità di iscrizione

Per partecipare al corso occorre effettuare l'iscrizione on-line e versare la quota di partecipazioneIl gruppo di partecipanti sarà composto in base all'ordine di iscrizione. L'iscrizione si ritiene ultimata con il versamento della quota di partecipazione. Le iscrizioni sono aperte fino al raggiungimento dei 25 partecipanti in ogni caso una settimana prima dell'inizio del percorso. Nel caso in cui le domande superino il numero di posti disponibili sarà progettata una seconda edizione del percorso nei primi mesi del 2016.

La quota di iscrizione al corso a carico del partecipante ammonta a 200 Euro. La quota comprende: il materiale didattico e i costi relativi alla visita di studio. 

Il pagamento della quota di iscrizione deve essere effettuato tramite bonifico bancario intestato a tsm-Trentino School of Management presso la:


Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo del Nord Est – Sede di Trento
Via Segantini, 51 – 38122 Trento
Conto Corrente: 000000115177
IBAN IT76 U035 9901 8000 0000 0115 177
Riferimento: step Recupero e rigenerazione degli insediamenti

Ulteriori informazioni

Crediti formativi professionali
Architetti: 15 CFP
Periti Industriali/Periti Industriali laureati:  24 CFP
Ingegneri: 27 CFP 

 

Riserva
La tsm-Trentino School of Management si riserva la facoltà di rinviare o annullare il percorso dandone comunicazione ai partecipanti entro 3 giorni lavorativi prima della data di inizio corso e provvedendo al rimborso dell'importo ricevuto senza ulteriori oneri. La tsm-Trentino School of Management si riserva inoltre la facoltà, per esigenze organizzative, di modificare il programma, modificare la sede del corso e/o di sostituire i docenti indicati con altri docenti di pari livello professionale