<div class="div_logo_tsm col span_4_of_4" style="height:57px;"> <!--<a href="http://www.tsm.tn.it/" target="_blank"> <img class="logo_tsm" src="https://step.tsm.tn.it/fileadmin/tsm_step/templates/images/2019_logo_tsm.png" alt="tsm- Trentino School of Management" width="255" height="57" /> </a>--> <div class="logo xprint"> <img src="https://step.tsm.tn.it/fileadmin/tsm_step/templates/images/logo_small.png" border="0" alt="" /> </div><!-- logo --> </div> <div id="access" class="bg_blue"><title><div class="top_contact top_ar" style="right: 154%; width: 150px;"> <a href="https://agilex.tsm.tn.it/" target="_blank" title="Area riservata">Area riservata</a> </div><!-- top_contact --> <div class="top_contact"> <a href="/contatti" target="_self" title="Tutti i contatti SMTC">Contatti</a> </div><!-- top_contact --><ul><li class="normale"><a href="https://step.tsm.tn.it/formazione-1/paesaggi-originari-geografie-affettive-e-rappresentazione-del-paesaggio-e-degli-spazi-di-vita-nell?a=0&dark=1&cHash=1c8fefe8341381b03d44793feda0d14b" title="Versione Originale" rel="nofollow">versione<br /> originale</a></li><li class="acc_meno1"><a href="https://step.tsm.tn.it/formazione-1/paesaggi-originari-geografie-affettive-e-rappresentazione-del-paesaggio-e-degli-spazi-di-vita-nell?a=1&dark=1&cHash=1c8fefe8341381b03d44793feda0d14b&size=-1" title="Testo Diminuito" rel="nofollow">[A]</a></li><li class="acc_0"><a href="https://step.tsm.tn.it/formazione-1/paesaggi-originari-geografie-affettive-e-rappresentazione-del-paesaggio-e-degli-spazi-di-vita-nell?a=1&dark=1&cHash=1c8fefe8341381b03d44793feda0d14b&size=0" title="Testo Originale" rel="nofollow">[A]</a></li><li class="acc_piu1"><a href="https://step.tsm.tn.it/formazione-1/paesaggi-originari-geografie-affettive-e-rappresentazione-del-paesaggio-e-degli-spazi-di-vita-nell?a=1&dark=1&cHash=1c8fefe8341381b03d44793feda0d14b&size=1" title="Testo Aumentato" rel="nofollow">[A]</a></li><li class="dark_no"><a href="https://step.tsm.tn.it/formazione-1/paesaggi-originari-geografie-affettive-e-rappresentazione-del-paesaggio-e-degli-spazi-di-vita-nell?a=1&dark=0&cHash=1c8fefe8341381b03d44793feda0d14b" title="Versione contrasto normale" rel="nofollow">[Accessibile] </a></li></ul>
<div class="unicoid"> <div class="center"><title>
Formazione

Paesaggi originari. Geografie affettive e rappresentazione del paesaggio e degli spazi di vita nell’infanzia

da marzo a dicembre 2012

Lo sviluppo di azioni educative nel campo della geografia e delle scienze naturali, con una centratura sul paesaggio, sulla vivibilità, sugli ambienti di vita, richiede oggi un salto di qualità di natura metodologica, in grado di combinare: 

  • l'evoluzione delle conoscenze nel campo della didattica con un passaggio necessario da un'educazione basata sull'insegnamento a un'educazione basata sull'apprendimento;
  • gli approdi attuali degli studi sulla percezione, lo spazio geografico, l'evoluzione del vivente e della vivibilità e sul paesaggio.
     

Da queste premesse l'IPRASE Istituto Provinciale per la ricerca e la sperimentazione educativa e la step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio hanno deciso di elaborare un progetto di ricerca-formazione-intervento per le scuole primarie per favorire lo studio e l'apprendimento riguardo al rapporto e alle interdipendenze tra il sistema cervello-mente e lo spazio geografico e paesaggistico. 

Obiettivi

L'obiettivo generale del progetto è la messa a punto di un approccio didattico per i docenti delle scuole primarie nell'insegnamento “preliminare e complementare” della geografia e delle scienze naturali con una centratura sul paesaggio, sulla vivibilità, sugli ambienti di vita. 

I risultati attesi del progetto possono essere in grandi linee raggruppati in due tipologie: 

  • i primi, di carattere specifico, possono essere fatti risalire all'attività formativa con ogni scuola e ogni classe (i destinatari diretti dell'azione sono sia i docenti che gli allievi coinvolti nel progetto); 

  • i secondi, di carattere più generale, sono da inscriversi nella definizione di un nuovo approccio didattico all'insegnamento della geografia e delle scienze naturali (destinatari indiretti sono tutti i docenti delle scuole primarie interessati ad aggiornare il proprio modo di insegnare).
     

L'iniziativa verrà svolta attraverso il metodo dell'experiment based learning [EBL]. Il metodo, attraverso il coinvolgimento di alunni e docenti accompagnati da ricercatori esperti, prevede attività didattiche di carattere sperimentale finalizzate a comprendere come favorire apprendimenti specifici e innovativi nel campo della vivibilità e del paesaggio. 

Coordinamento

Il progetto Paesaggi originari è svolto attraverso una partnership tra step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio  e IPRASE – Istituto Provinciale per la ricerca e la sperimentazione educativa.

L'IPRASE ha il compito di promuovere e realizzare la ricerca, la sperimentazione, la documentazione, lo studio e l'approfondimento delle tematiche educative e formative, ivi compreso quello relativo alla condizione giovanile, a sostegno dell'attività del sistema educativo provinciale, anche per promuovere l'innovazione e l'autonomia scolastica.

Responsabile scientifico
Ugo Morelli, Presidente Comitato Scientifico step

Direzione del progetto 
Beatrice de Gerloni, Direttore Iprase 
Gianluca Cepollaro, Direttore step

Ricercatori 
Chiara Brambilla, Iprase, Università degli Studi di Bergamo 
Luca Mori, Iprase, Università degli Studi di Pisa

Istituti Comprensivi 
Istituto Comprensivo di Cavalese
Istituto Comprensivo di Cles
Istituto Comprensivo di Primiero
Istituto Comprensivo di Rovereto Est
Istituto Comprensivo di Riva 1
Istituto Comprensivo di Trento 4

Assistente organizzativa 
Stefania Grandi, Segreteria step

Articolazione e contenuti

Il progetto si struttura in 7 fasi.

  1. Costituzione di un gruppo di lavoro “misto” IPRASE-step con obiettivi di coordinamento dell'iniziativa e di monitoraggio operativi rispetto alle finalità del progetto. Ricerca di sfondo e costruzione del quadro di riferimento. Messa a punto del disegno di ricerca;

  2. Costruzione e progettazione delle attività di experiment based learning [EBL];

  3. Presentazione ai dirigenti scolastici, individuazione e reclutamento delle scuole che partecipano al progetto;

  4. Formazione dei docenti coinvolti nell'iniziativa temi del paesaggio, della vivibilità e della cittadinanza; sul metodo EBL, sull'attività da svolgere con le classi;

  5. Attività con le classi coinvolte nel progetto;

  6. Elaborazione dei dati e stesura del report finale;

  7. Presentazione pubblica del progetto: seminario di disseminazione dei per tutti i docenti interessati della scuola primaria anche se non coinvolti direttamente nel progetto.

Documenti disponibili