Eventi

next_step. Paolo L. Bürgi. Il luogo, la sorpresa e oltre

25 novembre 2015 | 17:00 - 19:00
Aula T2 - DICAM - Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica- via Mesiano, 77- TrentoVedi mappa

La trasformazione dell'esistente rispecchia l'attuale esigenza delle politiche e dei progetti per il territorio di considerare i vuoti urbani, le aree marginali e residuali come grandi opportunità per una più ampia rigenerazione e riqualificazione del paesaggio.

next_step è un ciclo seminari organizzato dall'Università di Trento (DICAM) e dalla tsm-step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio che intende promuovere la cultura progettuale degli studenti universitari, futuri progettisti, attraverso il contributo di professionisti di rilievo nazionale ed internazionale. 

Iniziando dalla piccola scala di un oggetto di design, oppure dal progetto puntuale di una terrazza di piccole dimensioni che si affaccia su una foresta misteriosa e selvaggia, passando attraverso la scala urbana di una piazza, affrontando infine la scala territoriale di un intervento sulla montagna sopra Locarno o su un'area di circa 45 ha nel cuore della Germania, noi partiamo sempre dagli stessi fondamentali principi e concetti, dalla stessa filosofia di progetto.
In primo luogo ci lasciamo ispirare dal luogo e ci chiediamo come possiamo avvicinarci e camminare attraverso i suoi spazi, ma anche, alla fine, ci domandiamo quale sia il modo migliore per allontanarci da esso.

Il secondo passo di questo sviluppo creativo riguarda il paesaggio e la dimensione nascosta che può essere scoperta dietro il perimetro fisico e reale di un sito. Un'osservazione sensibile e attenta ci permetterà di individuare il dialogo con l'ambiente circostante e la suggestiva relazione tra gli elementi a noi più vicini e l'orizzonte.
A questo punto inizia la ricerca della storia del luogo e si fa strada in noi la volontà di trasmettere un racconto o un dettaglio del passato attraverso una dimensione giocosa del progetto, sempre cercando di stimolare la curiosità e il desiderio di scendere in profondità nella percezione di un territorio.
In questo modo il visitatore di un piccolo giardino, di una piazza o di un parco sarà sollecitato a porsi domande senza necessariamente cercare risposte immediate ed esplorerà l'area sentendosi libero di giocare e di sperimentare con le proprie emozioni e la propria immaginazione.

Supervisione scientifica Mosè Ricci e Bruno Zanon 
Coordinamento Emanuela Schir 

Paolo L. Bürgi

svolge dal 1977 la propria attività di architetto paesaggista presso il suo studio a Camorino. Lavora prevalentemente con il progetto degli spazi aperti in relazione all'architettura, sia in ambito pubblico che privato in Svizzera e all'estero. Ha preso parte a concorsi nazionali ed internazionali vincendo numerosi premi, tra i quali più recentemente l'area di ingresso al CERN di Ginevra e un museo all'aperto sul Carso Goriziano. Il suo lavoro è stato esposto in conferenze e pubblicato in molti paesi europei, Corea, Cile, Argentina, Cina, Giappone, Canada, Stati Uniti. Nel 2003 Paolo Bürgi ha ricevuto il primo premio ?European Landscape Award' per il progetto ?Cardada, Reconsidering a mountain' ed il premio ?Die Besten 03-bronze' per il progetto della piazza al lago ?Kreuzlingen Hafenplatz'.

Documenti disponibili